F.A.Q.

 

Chi è un Socio? Quali sono i suoi diritti e doveri?

La qualica di socio può essere concessa a chiunque condivida scopi e nalità ideali dell’ente secondo quanto stabilito dallo statuto.

Essere socio rappresenta la conclusione di un iter che parte da una richiesta scritta espressa dell’interessato, per terminare con la deliberazione specica resa dall’Organo Direttivo, che certifica la nascita del vincolo associativo tra le parti.

Un socio è autorizzato ad utilizzare i locali sociali per partecipare alle attività organizzate; consultare tutti i libri sociali; concorre a costituire le assemblee (sia ordinarie che straordinarie) e gode dell’elettorato attivo (votare) e di quello passivo (essere votati).

A questi diritti si contrappongono i doveri di osservanza dello statuto e degli eventuali regolamenti e deliberazioni dell’Ente, oltreché quello di corrispondere le quote annuali stabilite che tengono conto di tutte le spese gestionali derivanti dalle attività svolte. 

 

C’è differenza tra “socio” e “tesserato”?

I termini “socio” e “tesserato”  da un lato (quello dell’utilizzo spazi, servizi ed attrezzature) questi termini possono essere “accostati”, da l’altro (quello dei diritti/doveri del singolo) vi è una grande differenza di “status”. Il tesseramento si configura come un atto amministrativo, che iscrive il soggetto all’Ente.

Nei confronti dei tesserati non sussistono gli obblighi relativi all’attuazione del principio di democraticità.